Il Concetto della Via del Vino

    
L'invito consiste nel percorrere, prendendo il Vino quale tema conduttore, la zona in cui vengono prodotti i nostri vini e, in questo caso, anche i brandy e gli aceti.

Si tratta di passeggiare per le strade della città di El Puerto de Santa María, visitando i suoi luoghi di maggior interesse, di alloggiare nei suoi alberghi, di assaggiarne le delizie gastronomiche in alcuni dei vari ristoranti, di instaurare un rapporto diretto con l'affinamento di vini, brandy e aceti nelle cantine.
 
In terre che hanno dato i natali a ingegni come Pedro Muñoz Seca o Rafael Alberti, sotto un cielo dalla luce intensa, con la dolce carezza del vento di ponente e cullate dall'abbraccio della brezza proveniente dall'Oceano Atlantico, crescono le vigne di El Puerto, che offrono uve eccellenti per elaborare un mosto unico, dopo averlo fatto riposare nelle Cantine cittadine.



In virtù delle sue condizioni climatiche e geografiche, El Puerto de Santa María è una zona eccezionale per l'affinamento dei vini protetti dalla Denominazione d'Origine Jerez-Xérès-Sherry.

L'archeologia, grazie al ritrovamento di due frantoi risalenti all'epoca della presenza fenicia nel VIII secolo a.C., ci informa del fatto che il rapporto tra questo pregiato prodotto e la città è di lunga data, e conferma così l'ipotesi che il vino sia un elemento presente nella vita delle popolazioni del luogo, fin da da tempi molto remoti.

Tale presenza fa immediatamente spicco nella fisionomia della Città in cui sorgono numerosissime cantine note come Cattedrali per le loro maestose dimensioni, per la maggior parte nella zona conosciuta come Campo de Guía, sita strategicamente nei pressi del fiume Guadalete e per le cui vie si sparge il profumo dei vari vini, che invita il viandante a provarli a qualsiasi ora del giorno e a partecipare a tutte le celebrazioni.
 

A ciò è dovuto anche il fatto che la festa principale, per gli abitanti di Puerto de Santa Maria, sia dedicata al succo d'uva: la "Feria de la Primavera y Fiestas del Vino Fino" (Fiera della primavera e feste del vino sherry), che si celebra tra aprile e maggio e si chiama così per la predilezione dimostrata dai partecipanti a questo tipo di vino, durante i festeggiamenti.

I vini Jerez-Xérès-Sherry offrono una vastissima gamma di colori, aromi, sensazioni e possibilità. Il loro particolare processo d'elaborazione e affinamento nonché (in pari misura) la loro ricca e lunga storia, fanno sì che il nome di Jerez o di Sherry (nel mondo anglosassone), sia un simbolo d'identità comune per vini dagli stili molto diversi.

Il carattere biologico, ossidativo o misto del processo d'affinamento permette ai vini di acquisire diverse sfumature cromatiche, che vanno dal giallo paglierino molto pallido al mogano scuro intenso.

 


D'altra parte, l'abitudine delle miscele con vini dolci naturali dà, quale risultato, che alcuni vini in origine secchi, come gli sherry, gli amontillados o i vini odorosi, acquisiscano un sapore, in maggior o minor misura, più dolce.
 
Il frutto di questa molteplicità di fattori è la ricca tipologia dei nostri vini. La invitiamo dunque a scoprirne le particolarità insieme a noi.